Andrew Parker è il nuovo capo dell’MI5, una cyberspia specializzata in antiterrorismo

Sede dell'MI5, Londra (Thames house) (foto dagospia.com)

Sede dell’MI5, Londra (Thames house) (foto dagospia.com)

Ha lavorato per trent’anni in operazioni di controspionaggio, di contrasto al terrorismo in Medio Oriente e in Irlanda e contro la criminalità organizzata. Nominato dal Governo inglese ieri, sostituisce Jonathan Evans, dopo sei anni senza attacchi terroristici sul suolo britannico. Secondo il comunicato del sito ufficiale Mi5 il curriculum di Parker è sinteticamente questo: (pubblicato solo in occasione della sua nomina di ieri)

2005 – è responsabile della risposta ufficiale dell’agenzia dopo gli attentati terroristici a Londra.(http://it.wikipedia.org/wiki/Attentati_del_7_luglio_2005_a_Londra)

Mi5 logo attuale

Mi5 logo attuale

Mi5 vecchio logo

Mi5 vecchio logo

2006 – coordina più squadre impegnate nella nella scoperta dei piani di Al-Qaeda (cittadini pakistani residenti in UK) che intendeva far saltare in aria degli aerei delle compagnie statunitensi grazie a dell’esplosivo liquido nel 2006.. Secondo la polizia britannica “il più terribile piano terroristico dopo l’11 settembre”, una strage “su scala inimmaginabile”.(http://www.repubblica.it/2006/08/sezioni/esteri/terroristi-gran-bretagna/terroristi-gran-bretagna/terroristi-gran-bretagna.html) 

2012 – diviene vice direttore dell’Mi5, supervisione l’intera rete antiterroristica in occasione delle Olimpiadi.

Birdwatcher e naturalista, padre di due figli. Un cinquantenne occhialuto come tanti all’apparenza, in realtà da quanto dice il curriculum – la sua figura ha sempre tenuto un low profile probabilmente innato – uno dei massimi esperti di cyberspionaggio che collabora con i servizi segreti interni di Sua Maestà da più di trent’anni.

Tra i punti caldi che attualmente riguardano le autorità britanniche ci sono le questioni Siria e Somalia. Se un viaggio du aspiranti militanti dalla Gran Bretagna in Somalia è relativamente facile da tracciare, rintracciare i movimenti di aspiranti reclute per le forze anti-Assad in Siria è più difficile, dal momento che gran parte del viaggio, può essere completato con discrezione e via terra.

I funzionari dell’antiterrorismo europeo hanno stimato che fino a 60-70 militanti di lingua inglese con cittadinanza o residenza britannica sono attualmente in lotta con le forze ribelli in Siria.

http://www.youtube.com/watch?v=6OJOUGM7Y0M

http://www.bbc.co.uk/news/uk-21970091

http://italian.irib.ir/featured/item/123251-g-b-andrew-parker-nuovo-capo-dei-servizi-segreti-mi5

https://www.mi5.gov.uk/ (sito ufficiale Mi5)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Unisciti ad altri 122 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: